Comunicazione efficace nella coppia

Fortunatamente, è ancora comune per le coppie andare in terapia, ed è sorprendente che siano sempre più coppie con una fascia di età più ampia, poiché questo significa che la terapia si sta normalizzando, anche nelle coppie più anziane.

Nelle situazioni che vengono lavorate in consultazione, la varietà è comunque ottima c’è un elemento comune che si osserva dietro molti conflitti e disaccordi: la comunicazione.

L’importanza di una comunicazione efficace nella coppia

È quasi un cliché dire che la mancanza di comunicazione è alla base della coesistenza e dei conflitti di relazione nelle coppie, nelle famiglie o nelle squadre, ma è comunque qualcosa di molto reale. Per specificare e illustrare ciò che presento qui, vorrei soffermarmi su un argomento che sembra molto ovvio, ma non è così scontato: capire l’altro e il suo punto di vista.

Molte volte la comunicazione ristagna perché vogliamo che l’altra persona capisca quello che vogliamo spiegare, che possa mettersi nei nostri panni e vedere quello che vediamo. Dimentichiamo che l’affermazione dell’altra persona, in molti casi, è esattamente la stessa e questo può bloccare le azioni di comunicazione.

Comprendi prima l’altra persona, prima di fingere di essere capito. Sarebbe un buon motto; È importante fare il primo passo nell’intenzione di capire, la comprensione reciproca sarebbe garantita se lo facessimo, poiché ci riuniremmo nella volontà di ascoltare.

Quando lo facciamo al contrario, ciò che di solito accade è che attribuiamo un’intenzione negativa all’altra parte, preveniamo e provociamo atteggiamenti difensivi che aprono la porta a sentimenti di attacco, bloccando la comunicazione e attivando risentimenti, incomprensioni, impotenza e una grande catena di emozioni negative che porteranno a un possibile conflitto di dimensioni più o meno grandi.

Sarebbe conveniente se, in un atto di comunicazione, fossimo in grado di farlo rilevare chi è la persona che ha un maggiore livello di ansia o urgenza di presentare le proprie idee e nell’esprimere il suo stato e che gli abbiamo dato il primo posto per iniziare la sequenza della comprensione; Quando ciò accade, una volta che la persona si sente capita, potrebbe essere più facile fingere il turno dell’altra persona e ascoltare quelle idee.

È essenziale ricordare che, in questi atti comunicativi, non fingere di trovare la verità o chi ha ragione, poiché entrambe le parti hanno la loro verità e la loro ragione. Nella comunicazione non si deve cadere in questa trappola, poiché porta a un vicolo cieco che aumenta la tensione, il conflitto e la distanza tra le persone che intendono comunicare.

Inoltre, voler “avere ragione” riduce la comunicazione a una situazione eccessivamente semplificata, in una sorta di battaglia che lascerebbe una parte vittoriosa e un’altra sconfitta, quando l’importante è che entrambe le parti si capiscano e raggiungano una soluzione, o comune consenso. Lo stesso, nel caso in cui qualcuno vince e qualcuno perde, si sottraggono idee e capacità, il caso che proponiamo amplia le possibilità e cerca di condividere il benessere generato dal consenso e dalla comprensione reciproca.

Perciò, è anche una questione di redditività emotiva, per sentire che c’è un interesse comune affinché le persone che sono in quel dialogo possano raggiungere un punto di benessere condiviso e congiunto. Voglio che tu ti senta bene e stai cercando lo stesso, che soddisferà entrambe le persone e lascerà la sensazione che ci prendiamo cura l’uno dell’altro, invece di cercare di essere sopra (il che implica che ci sia qualcuno sotto).

Fare?

Per realizzare questa idea devi avere molta cura delle parole che vengono usate; e le forme, quanto sono importanti le forme. Ci sono molti slogan assertivi che aiutano nella scelta di quelle parole concilianti e non aggressive: “Secondo me …”, “come la vedo io …”, “dal mio punto di vista …”, “Penso …”, “Capisco quello che dici e anche … . “,” Vorrei che teneste conto anche di … “.

Uno degli aspetti che questi slogan hanno in comune è che non cancellano la parte dell’altra persona, non distruggere e non denigrare idee o punti di vista diversi che non coincidono.

Può sembrare molto semplice ricordare quanto sia importante evitare l’uso dell’espressione “ma” appena prima di presentare una propria idea, poiché quella congiunzione elimina il valore della frase che è stata pronunciata poco prima, esempio: “Penso che vada bene la tua opinione, ma …” (equivale a dire che non mi sembra giusta). Può sembrare un po ‘forzato all’interno della relazione intima, spontanea e di fiducia della relazione di coppia, ma è importante che le parole corrette siano mantenute e che non mettono in discussione il rispetto reciproco essenziale per una comunicazione efficace e rispettosa.

Insomma, non basta dire “se sai già come sono”, non basta fare riferimento a quanto è sempre avvenuto nel campo della comunicazione, devi occuparti di quello che vuoi esprimere e del modo in cui in cui farlo.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento