Come gestire la disonestà in una relazione?

L’onestà nella coppia è considerata uno dei pilastri fondamentali perché il rapporto vada bene. Sebbene la teoria sia facile da interiorizzare, in pratica questo risulta essere più complicato.

Molte coppie hanno un serio problema di insincerità, che, se da sola non deve condannare la relazione, può contribuire a farla logorare nel tempo.

Successivamente esploreremo come gestire la disonestà in una relazione, comprendendo l’importanza della sincerità in modo che ogni relazione romantica funzioni nel miglior modo possibile.

Cosa fare di fronte alla mancanza di onestà in una relazione?

Il fatto che l’onestà sia un pilastro fondamentale in ogni relazione è uno dei detti più ascoltati quando si parla di relazioni sentimentali. Sembra che tutti siano molto chiari su questa verità, ma è anche vero che la teoria è più facile della pratica e che molte coppie hanno un serio problema di onestà nella loro relazione. Vogliono essere onesti, ma costa loro e nel tempo questo può diventare un problema serio.

Ma cosa intendiamo onestamente nella coppia? potremmo definirlo come essere onesti con il nostro partner, sia nel bene che nel male. C’è chi, ad esempio, si sente triste e demotivato nel proprio rapporto, ma lungi dal comunicare i propri sentimenti al proprio partner preferisce tenerlo, visto che è meglio non preoccuparlo, e per ottenere questo si mette una maschera di felicità, cercando di ingannare se stessi tanto quanto, a quanto pare, lo stanno ottenendo con la loro relazione.

Un altro segno di disonestà può presentarsi in un modo un po ‘più tossico, ad esempio che potrebbe non piacerci che il nostro ragazzo esca con i suoi amici o continui a interagire con il suo ex partner. Ecco qua un problema di gelosia, su cui però si dovrebbe lavorare, lungi dall’esporli o criticare il fatto che siano imparentati con i loro amici, preferiamo tacere perché siamo anche consapevoli che sentirli è sbagliato, che è un comportamento possessivo non volere loro di interagire con i loro amici.

Un altro esempio di disonestà è sentirsi a disagio con ciò che il nostro partner fa a volte e, invece di dirlo con sincerità e gentilezza, preferiamo tacere perché pensiamo che o non è così male o ti renderai già conto di cosa stai facendo di sbagliato. Ci convinciamo anche che non dovremmo essere infastiditi da qualcosa del genere, o che non abbiamo abbastanza energia per continuare a dirgli ancora e ancora di non fare le cose in questo modo.

Potremmo continuare a mettere più esempi che dimostrano mancanza di onestà nella relazione, sia per cose piuttosto banali che per questioni veramente serie. Dire che la relazione sarà irrimediabilmente destinata al fallimento per il semplice fatto di non essere onesti non è giusto, ma certamente non sarà una relazione ideale basata sulla fiducia e sulla sincerità perché, in fondo, è quello per cui zoppichi.

Come migliorare l’onestà nel tuo partner

Sebbene ogni coppia sia diversa e non tutte le formule debbano funzionare per tutti, possiamo fare alcune cose per gestire la mancanza di onestà nella relazione. Tutti mirano a rendere la coppia più trasparente, cioè che i suoi membri non esitano a dire come si sentono e cosa li mette a disagio riguardo alla vita coniugale o agli appuntamenti.

1. Sii sincero

Questo punto è un gioco da ragazzi, un consiglio che tutti abbiamo interiorizzato nel nostro manuale su come una relazione dovrebbe funzionare bene. Ma come abbiamo detto prima, la teoria è di facile comprensione, la pratica, invece, è difficile da applicare.

Devi capirlo la mancanza di sincerità nella coppia impedisce di avere una vita intima. C’è una mancanza di connessione reale perché ci sono troppi segreti, che per quanto innocenti possano essere, ci portano via dal nostro ragazzo / ragazza o coniuge, creando una strana relazione simile a quella che avremmo con un conoscente. Il nostro partner dovrebbe essere la nostra metà migliore, e come tale dovremmo sapere lo stesso l’uno dell’altro.

O perché c’è il desiderio di amare il nostro partner o per paura di fare o dire qualcosa che lo infastidisce, finiamo per mentire, reprimere i nostri sentimenti e opinioni e sentirci male per questo. Questi tipi di comportamenti ed emozioni possono essere un pesante fardello, tanto da porre fine alla relazione.

2. Se ci ami, ci accetti come siamo

Bugie e fingere di essere chi non siamo è un comportamento strettamente associato alla paura di essere rifiutati per quello che siamo. Le persone sono animali socievoli e noi vogliamo sentirci accettati e per questo ci decoriamo un po ‘come siamo, anche se significa mentire. Anche se il nostro partner dovrebbe accettarci incondizionatamente, questa paura del rifiuto è così forte che non ci mostriamo nemmeno come siamo con lei.

Se ci ama, ci accetterà nel bene e nel male. Non possiamo fingere di avere un buon rapporto se non siamo sicuri che quella persona con cui condividiamo momenti molto privati ​​non sia consapevole di chi siamo veramente. Quindi dobbiamo fare uno sforzo e aprirci e vedere se vale davvero la pena uscire con quella persona.

Se purtroppo non ci accetta per come siamo, il rapporto inizierà a indebolirsi e potrebbe rompersi, ma è meglio che essere intrappolati in una relazione in cui l’incertezza di non sapere se saremo davvero amati per come siamo ma non lo sappiamo perché non lo mostriamo.

3. Senza libertà non c’è amore

Il legame con qualcuno non dovrebbe essere interpretato come perdita di libertà. Sì, è vero che se abbiamo una relazione monogama, uscire con altre persone segretamente dal nostro partner non è giusto, ma non è questa la “libertà” a cui vogliamo riferirci.

Quando diciamo che senza libertà non c’è amore, significa che dobbiamo condividere le nostre opinioni e comportarci nel modo che più ci piace, purché non ferisca gli altri.

La nostra libertà rende la coppia più libera. Strettamente legato a quanto abbiamo già commentato, se il nostro partner ci ama, ci accetterà per come siamo, e questo include anche come ci comportiamo e cosa pensiamo. Se non ti senti a tuo agio, non è molto utile continuare con la relazione.

4. Non incolpiamo il nostro partner

Tutti commettiamo errori di tanto in tanto e quello che inizialmente era un piccolo errore può trasformarsi in una palla di neve che aumenta di dimensioni con il passare del tempo. Piccoli gesti quotidiani possono essere interpretati male e portare a grandi casi di risentimento che danneggeranno la fiducia della relazione..

Prima di rimproverarlo per qualsiasi cosa, dobbiamo pensare con freddezza se c’è stata una cattiva intenzione, cioè se sono state fatte apposta. Lungi dal criticarlo in uno scoppio di acida sincerità, dobbiamo chiedergli perché ha fatto quello che ci ha infastidito e commentarlo, senza vederlo come una critica distruttiva.

5. Parliamo di cose fuori

Le cose si risolvono parlando, e per parlare si intende il linguaggio orale, non i messaggi o le note di WhatsApp, o il linguaggio non verbale di dubbia interpretazione. Dovremmo dedicare il nostro tempo a parlare di quei problemi di relazione di cui vogliamo discutere a lungo. È meglio contrassegnare un giorno della settimana da fare una sessione di sincerità e discutere quali aspetti che possono essere emersi durante la settimana ci hanno infastidito o crediamo che il nostro rapporto potrebbe essere migliorato.

Anche se non c’è stato assolutamente nulla di negativo da commentare, questo momento è perfetto per riaffermare la nostra onestà con quella persona che amiamo, mostrandoci trasparenti e dimostrando che ci teniamo alla relazione e vogliamo condividere tutto con lei.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento