Come affrontare le rotture delle relazioni

Nelle relazioni viviamo alcune delle esperienze più intense della nostra vita. Viviamo l’esperienza dell’incontro e dell’intimità, ma ci sentiamo anche vulnerabili, esposti, e le nostre più grandi paure e insicurezze affiorano.

Quando vivi l’esperienza della pausa nella coppia (un certo tempo in cui ti allontani, non hai nemmeno alcun tipo di contatto) viene solitamente interpretato come una sorta di pausa o preambolo di pausa. Le pause nella coppia di solito portano ansia, insicurezza e colpa alle persone che la vivono (soprattutto se non hai preso la decisione da solo). Perché ci sentiamo così male? Come possiamo affrontare questo tempo e questa esperienza?

Questo problema è più comune di quanto si pensi in un consulto psicologico quando si vive un processo di cambiamento. In molte occasioni le persone che ho accompagnato hanno vissuto questa pausa con pensieri invadenti, problemi di sonno e uno stato di ansia sempre più intenso. Tuttavia, suggerimenti o consigli sono inutili.

L’importante non è ciò che accade, ma come capisci, gestisci e affronti ciò che accade. Questo è l’obiettivo di questo articolo: approfondire te stesso per migliorare la situazione grazie al tuo cambiamento personale.

Le pause di coppia come occasione per conoscerti

Perché quello che succede nelle relazioni è così complicato?

Gli esseri umani sono esseri sociali ed emotivi. Nella coppia viviamo un’esperienza unica e cruciale: sebbene il nostro benessere debba dipendere principalmente da noi stessi (quando dipende troppo da fattori esterni, l’autostima è fortemente condizionata) nella coppia non possiamo evitare che gran parte del nostro il benessere dipende da come scorre quella relazione.

All’inizio di una relazione c’è una dissoluzione nell’altro, dove sperimentiamo un incontro. Più tardi, sorge una lotta di ego. Insicurezze, paure, sensi di colpa, richieste, bisogno di superficie di controllo e pause sorgono nella coppia come ultima strategia per continuare la relazione.

Queste pause sono vissute con maggiore ansia e tutti i sintomi che uno stato ansioso implica: pensieri invadenti, ricerca nei social network, bisogno di contatto, difficoltà a dormire, mangiare, ecc.

Insomma: la relazione, invece di un incontro dove sperimentiamo il benessere e condividiamo una parte importante della nostra vita, diventa un’esperienza che ci angoscia. Tuttavia, il problema non è nella relazione ma nel tuo modo di capire e gestire ciò che senti e come lo affronti.

Tendiamo a pensare che andare dallo psicologo sia una decisione drastica motivata dall’urgenza. Quando accade in questo modo (quando c’è già un quadro di intensa ansia che ostacola la tua vita quotidiana) i processi di cambiamento sono difficili, ma ugualmente belli e trasformativi.

Tuttavia, la decisione migliore è vivere questo processo in modo preventivo. Prima che l’intensità aumenti, e in situazioni in cui senti che il tuo benessere e la tua sicurezza sono troppo fragili, vivere un processo di cambiamento sarà trasformativo non solo per risolvere quello che ti succede adesso, ma anche per il tuo futuro (in relazione a qualsiasi situazione che affronti: lavorativa, sentimentale, personale, ecc.).

Quando accompagnare persone con difficoltà nel proprio partner si rompe nei processi di cambiamento, si scopre che il problema principale non è nel partner, ma nel modo in cui focalizziamo quella distanza e nel modo in cui comprendiamo e gestiamo ciò che sentiamo.

Elementi psicologici coinvolti

Vediamo ora quali sono i principali fattori che influenzano il modo in cui ti avvicini a quelle pause e come risolvere queste situazioni (grazie al tuo cambiamento personale).

1. Il tuo concetto di partner

Una pausa di coppia può essere il momento di ripensare a quale concetto hai di cosa sia un partner o una relazione per trovare la radice della tua ansia o insicurezza.

Se la tua relazione o partner è un luogo dove depositi parte del tuo benessere, bisogno di accettazione o apprezzamento, sarà sempre un fattore esterno che non potrai controllare e che genererà ancora più insicurezza. Una relazione è soprattutto un’esperienza in cui condividiamo un legame intimo, ma dove il tuo benessere continua a dipendere principalmente da te.

2. Difficoltà a gestire l’ansia:

Se ha difficoltà a gestire l’ansia (che si avverte principalmente nel torace o nella cavità dello stomaco a causa della meccanica respiratoria) Sentirai ogni situazione all’interno della coppia con più intensità e angoscia.

3. Paura e insicurezza

In una relazione versiamo parte del nostro benessere e la paura e l’insicurezza sorgono come meccanismi di protezione. Se non hai saputo capire e gestire quelle emozioni è probabile che tu tenti di controllarti eccessivamente, di iperproteggerti o, al contrario, di isolarti emotivamente della relazione o del partner (per paura di perdite).

4. Colpa

Il senso di colpa è un’emozione frequente nelle pause di coppia ed è anche motivata dall’ansia. Pensiamo di essere responsabili della sofferenza dell’altro o della sua delusione e di quel pensiero invadente Ti paralizza ancora di più.

5. Frustrazione

La frustrazione è una rabbia di bassa intensità che sorge quando ciò che è successo non è ciò che vogliamo è un’emozione spiacevole che appare attraverso un meccanismo di controllo, che a sua volta è uno strumento in più di paura e insicurezza.

Le conseguenze

Le maggiori difficoltà personali che si incontrano nella coppia si moltiplicano in pause o pause. Sorgono pensieri intrusivi, dubbi, indecisione, angoscia, problemi a mangiare, dormire, riposare o pensare con chiarezza.

Ma la soluzione non è nella coppia, in un ritorno o in un cambiamento drastico e anche irreale, ma in il tuo processo di cambiamento personale. Ciò che accade nelle relazioni non è altro che ciò che stava già accadendo in te, solo intensificato ed esposto.

Come affrontare i periodi di crisi (nella relazione o in un periodo di pausa)

Il vero problema con i periodi di angoscia non è ciò che sentiamo, ma come lo gestiamo. Sentirsi insicuri, timorosi o scoraggiati a volte è naturale e ha una funzione positiva. Affrontare in modo positivo i periodi di crisi fa anche parte del fare un apprendistato in cui impari a capire e gestire ciò che senti, valorizzare il tuo sistema di credenze e modificarlo, e soprattutto cambiare la tua attenzione su te stesso e su come concepisci una relazione. Questo periodo di crisi può essere un’opportunità per vivere un processo che ti porti a realizzare i seguenti cambiamenti.

1. Accettazione

L’accettazione implica che tu sia in pace con te stesso perché comprendi che ciò che accade, che sia un’esperienza piacevole o meno, segue un processo ed è appropriato. L’accettazione Ti porta a fissare dei limiti, sapere cosa dipende da te e cosa no, dare il meglio che hai e a sua volta non perdere la cura di te stesso.

2. Scopri qual è il tuo modo di legare affettivamente con l’altro (se lo fai in modo dipendente o meno)

Le relazioni non sono esperienze generali ma molto particolari. Cerca di isolarti dal modello di relazione che hai appreso (soprattutto attraverso la cultura dell’informazione sui contenuti superficiali dei social network) e prova a conoscerti per scoprire il significato che le relazioni hanno per te.

3. Impara a capire e gestire l’ansia

L’ansia non è una difficoltà che compare solo nei periodi di crisi, ma si intensifica in quei momenti. Imparare a capire e gestire la tua ansia e le tue emozioni ti aiuta non solo in questo processo ma anche in futuro. Nella tua esperienza di vita troverai sempre difficoltà da cui imparare. Impara a conoscere te stesso e gestisci ciò che accade ti darà una maggiore consapevolezza di te stesso e del tuo decisioni.

4. Concentrati sul tuo apprendimento

Questo è un momento per concentrarsi su di te, scoprirti, conoscerti, liberati da ciò che ti blocca e saper dare il meglio di sé pur essendo consapevoli dei propri limiti.

In conclusione…

La pausa può essere un momento per concentrarti sulla tua conoscenza di te stesso, sapere cosa senti, come ti condiziona e come puoi imparare a gestirlo per capire le situazioni con più prospettiva, con calma e accettazione.

Quando si vivono questi periodi da soli, è normale che i nostri pensieri ci condizionino e ci affliggano ancora di più. Per questo motivo l’azienda è così importante: guardare la situazione con prospettiva e vivere un apprendimento unico che ti fa sentire meglio non solo ora ma in futuro, che migliora anche la tua capacità di connetterti con gli altri.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento