Come accettare di non amarti: 8 chiavi psicologiche

Quando ami qualcuno ma quella persona non ti corrisponde, cosa fai? Potrebbe essere qualcuno con cui hai avuto una relazione molto intima in passato, potrebbe essere semplicemente una “cotta”, un amore platonico…

Comunque sia, che l’affetto e l’amore non siano corrisposti fa molto, troppo. Non possiamo impegnarci o sperare che ci amerà perché, purtroppo, è molto probabile che non accada.

Come persone mature, adulte e razionali dobbiamo cercare di voltare pagina, dobbiamo accettare che non ci ami e poi vedremo alcuni passaggi per superarlo.

Come accettare che non ti ama

Potrebbe arrivare un momento nella vita in cui, dopo una relazione lunga e intensa, si rompe. All’inizio è difficile, è difficile anche presumere di non essere più niente, ma è un dato di fatto: non c’è più un partner. Altre volte succede che non sei mai stato niente, ma sei innamorato o innamorato di qualcuno che consideri speciale, anche se lui o lei non pensano allo stesso modo di te. E sembra che continuerà ad essere così, quindi cosa faremo?

Che sia il tuo ex, una persona di cui sei innamorato o anche un amico con cui hai perso la relazione, è giunto il momento di accettare che non ti ama. La reciprocità che brami così tanto semplicemente non esiste, non c’è “sensazione”. Puoi idolatrare quella persona ma per loro non sei così importante, o hai semplicemente smesso di interessarli. Stai perdendo tempo ed energie continuando ad amarla e dirle addio è la cosa migliore per il tuo benessere.

Accettare che qualcuno che apprezzi non ti ami è difficile da accettare. Sebbene possiamo razionalmente sapere cosa fare, la teoria sembra sempre più facile di quanto lo sia in realtà la pratica. Avremo bisogno di sforzo, riflessione e forse anche lacrime per accettare il fatto che qualcuno di importante per noi non ci ami più o non ci abbia mai amato., ma si può fare. Diamo un’occhiata ad alcuni suggerimenti come guida:

1. Comprendi la situazione

Il primo passo per accettare che non ti ama è capire in quale situazione ci troviamo. Potremmo aver appena rotto con il nostro partner, che una persona di cui siamo innamorati ci ha rifiutato o che un amico ha smesso di parlarci per qualsiasi motivo…

Qualunque sia la situazione, è molto importante capire tutto quello che è successo, mettere in relazione le cause con le loro conseguenze e capire fino a che punto la situazione dipende da noi, dei due o è stata una serie di coincidenze che ci hanno fatto sentire qualcosa che non è ricambiato dall’altro.

L’idea di tutto questo è capire che ci sono cose che non dipendono da noi e altre che, sebbene lo facciano, possono rivelarsi rane. Non sempre ottieni ciò che ti sei prefissato di fare, e quando si tratta di amore, questa è una regola abbastanza comune. Per lo meno, saremo in grado di accettare un po’ meglio il rifiuto comprendendo tutto ciò che è in nostro potere.

2. Non puoi controllare i sentimenti degli altri

Devi sempre capire che non possiamo controllare i sentimenti degli altri o comandare il cuore di un’altra persona. Non possiamo costringere nessuno ad amarci, né possiamo costringerli a continuare ad amarci una volta che la fiamma dell’amore o dell’amicizia si è spenta. Il rifiuto sentimentale è doloroso, ma è più doloroso insistere che qualcosa cambierà magicamente magical perché lo vogliamo.

3. Metti la distanza

In molti casi, il modo migliore per accelerare il processo di accettazione del fatto che qualcuno non ci ama è semplicemente mettere la sporcizia nel mezzo. La distanza ci aiuterà a dimenticarlo e, di conseguenza, ridurrà il nostro desiderio che vogliamo che l’altra persona continui ad amarci.

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore. Se smettiamo di incontrare quell’ex fidanzato o ex amico, chiediamo agli amici che abbiamo in comune di non invitarci se uno dei due è lì o, direttamente, ci allontaniamo per un po’ da dove abita, possiamo ottenere sentimenti così intensi che proviamo verso di lui o lei si indeboliscono.

E non stiamo parlando solo di distanza fisica, ma anche sociale. Una buona idea per ridurre ciò che proviamo nei confronti di quella persona e far diventare più chiaro e forte nella nostra mente ciò che già sappiamo, cioè che non ci ama, è evitare qualsiasi stimolo da parte sua e per questo non esiste tecnica migliore di quello del contatto zero: rimuovila dai social ed evita di avere in casa i suoi oggetti.

Accetta che non mi ami

4. Non incolpare nessuno

Capita spesso di vivere l’essere rifiutati come una sorta di attacco, soprattutto se ci fanno capire che è perché non valiamo abbastanza o perché non siamo di loro gradimento. Questo può influenzarci a livello di autostima e concetto di sé, facendoci domandare se non sia perché non siamo belli, intelligenti, intelligenti, speciali…

Ognuno ha i suoi gusti, ma bisogna anche tenere presente che rifiutare qualcuno non significa che lo si faccia perché non gli piace, ma anche Possono essere coinvolti diversi fattori, come la paura di una relazione, l’essere già impegnati con un’altra persona o semplicemente perché non c’è nulla che ti faccia desiderare di mantenere un qualsiasi tipo di rapporto con noi.

Nessuno ci deve niente. Non possiamo incolpare nessuno per averci rifiutato, né possiamo incolpare noi stessi per non valerne la pena. Ognuno ha i suoi pro e contro, e anche così non sono una garanzia sufficiente per assicurarci che avremo una relazione con una persona che, presumibilmente, potrebbe piacerci. A volte anche la persona più perfetta non si rivela una persona speciale.

5. Circondati di persone care

Abbiamo perso un amico o un partner o, direttamente, siamo stati rifiutati da qualcuno che pensavamo ci amasse. Devi colmare quel vuoto che ci hai lasciato e la cosa migliore da fare è stai con chi ci ama.

Allo stesso modo in cui dobbiamo accettare che quella persona speciale non ci ami, dobbiamo cercare di vedere che ci sono già persone speciali nel nostro ambiente e che anche loro ci amano.

In aggiunta a ciò, i nostri amici, familiari o altre persone care possono fungere da ottimi distrattori, mettendo al centro dell’attenzione i bei momenti che vivremo con loro e lasciando da parte quelli che non potrebbero essere o che già erano con qualcuno che non ci vuole.

6. Non aspettarti delle scuse

Potremmo aspettarci delle scuse dopo che il nostro partner ha rotto con noi o un amico ci ha lasciato indietro. Vogliamo risposte, una spiegazione minima del perché: “C’è un’altra persona?” “Mi ha preso in giro?” “Ho fatto un errore?” “Ti sembro noioso?”

La ragione per essere rifiutati può essere molto diversa e potremmo non saperlo mai. Sì, è vero che a volte ce lo dice, il che è apprezzato perché in questo modo ci aiuta a superare meglio la fase del lutto, ma altri non sono così fortunati e ci lascia chiedendoci e chiedendoci cosa possa essere successo, che ci logora fuori mentalmente.

Non è salutare aspettarsi sempre delle scuse o una spiegazione. In effetti, è possibile che anche l’altra parte lo stia aspettando perché ci ritiene responsabili del perché questo è andato storto, che non ha funzionato, anche se noi stessi non sappiamo esattamente cosa. Ognuno di voi può avere una visione molto diversa di come era la relazione, quindi è molto probabile che vi consideriate entrambi “la vittima”.

7. Consentire a te stesso di stare male

È normale che, quando vediamo che una persona che amiamo ma che non ci corrisponde, ci sentiamo tristi. Abbiamo il diritto di sentirci così, infatti, dobbiamo permetterci di essere tristi.

È bello che proviamo quelle emozioni e ci prendiamo il nostro tempo per riflettere su quello che è successo, riflessione che ci aiuterà ad accettare che non ci ama. Rendersi conto che stiamo soffrendo per lui o lei ci aiuterà a capire in prima persona la triste realtà, che lui o lei non ci ama.

8. Abbi cura di te

In ciò che cerchiamo di accettare subito che non ci ami, non dobbiamo trascurare la nostra salute fisica e mentale. La cosa più sana che possiamo fare in questo momento è lavorare sul rapporto con la persona più importante della nostra vita: noi stessi. Pertanto, dobbiamo concentrarci sul coltivare un buon amore per noi stessi e il rispetto per noi stessi.

L’unico modo per avere un buon rapporto con gli altri è mantenere un buon rapporto con noi stessi., soddisfacendo i nostri bisogni e realizzando i nostri sogni. Dobbiamo mantenere i nostri hobby, osservare la dieta, fare esercizio e continuare a incontrare amici e familiari. Dobbiamo mantenere attività significative per essere in grado di distrarci ed essere felici.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento