5 passi per amare te stesso quando hai problemi di relazione

Molte persone vengono alla mia pratica di coaching perché hanno problemi con il loro partner. Non sono felici e non sanno cosa fare.

Credono che la coppia non li ami, vivono agganciati (codipendenti) e soffrono. Si disperano quando credono che l’amore o l’approvazione debbano venire dall’esterno (attraverso il loro partner) e non arrivino esattamente come vorrebbero. Vivono con frustrazione, ansia, possessività, gelosia, ecc.

La relazione diventa tossica quando ti aspetti che l’amore venga solo dal tuo partner. Il tuo partner può mostrarti più o meno affetto, affetto e ascolto, ma quello che non puoi aspettarti è che il tuo partner ti riempia il cuore.

Cos’è veramente l’autostima?

Il cuore non può essere riempito da nessuno tranne te. Devi imparare a riconoscere che c’è amore dentro di te. L’autostima si verifica quando ti rendi conto che l’amore è dentro di te, o meglio, è la tua essenza.

Quando scopri di essere amore, allora dai amore a tutti gli esseri (e non solo al tuo partner), perché l’amore è il profumo che emana la tua anima, chi sei veramente. L’amore non è qualcosa che devi fare, è la tua identità. sì quando impari a vivere della tua identità più profonda, allora dai senza aspettarti nulla in cambio e puoi avere una relazione sana.

Ho detto “rapporto sano” e non “felice”. Ciò significa che la tua relazione sarà basata sull’accettazione dell’altro (senza voler cambiare). Non cercherai la felicità nella relazione, ma la troverai dentro di te, e ciò che farà la relazione sarà amplificare ciò che hai trovato dentro.

L’autostima è riconoscere o rendersi conto che sei già un essere completo e non ti manca nulla perché quando vivi d’amore, non ti manca nulla. L’autostima va oltre ciò che pensi o puoi pensare di te stesso. Non è la tua immagine di te stesso.

L’autostima è chi sei prima ancora di pensare a te stesso. È il substrato ultimo della tua realtà e coincide con il substrato di tutto ciò che è stato creato. È la coscienza che è in te e in tutti. Essere consapevoli di essere tutt’uno con l’amore, che è l’essenza di tutto, è vivere con autostima.

E perché cerchiamo l’amore fuori di noi stessi?

Per una confusione mentale. Abbiamo creduto di essere qualcosa che non siamo. Ci siamo identificati con ciò che la nostra mente ci dice che siamo. Abbiamo creduto di essere un “io” che ha un corpo e dei pensieri. Ma senza rendersi conto che questo “io” è in realtà un pensiero che può essere osservato.

E in verità, non siamo nulla che possiamo osservare o pensare. Siamo lo spazio in cui i nostri pensieri appaiono e scompaiono. Ma siamo rimasti confusi (per mancanza di chiarezza o consapevolezza) e abbiamo creduto di essere uno di quei pensieri che osserviamo: un pensiero che ha coltivato una storia intorno e che si crede protagonista della nostra vita.

Chiamiamo questo pensiero ego o “me”. Quel carattere “io” per definizione è privo di amore e vive di paura, perché per esistere ha bisogno del “tu” o “altro” (che è sconosciuto).

L’ego vive credendo di essere separato da tutta la realtà. L'”io” basa la sua esistenza sulla dualità dove ci sono molti “altri”. L'”io” non può esistere senza sentirsi isolato o separato, e quindi cerca disperatamente di completarsi.. E il modo più diretto per completarti è cercare l’amore attraverso un “partner”.

Quello che l'”io” non sa è che non importa quanti partner hai, l'”io” non si sentirà mai completo. L'”io” per definizione è l’illusione della separazione dalla realtà, da ciò che realmente sei (amore). In altre parole, non importa quanti partner hai, il tuo “io” sentirà sempre che manca qualcosa e non sarà mai soddisfatto.

Come risolvere un problema che fino ad ora hai incolpato del tuo partner?

Non puoi risolvere un problema dallo stesso livello in cui è stato creato (il “me”). La soluzione non è far cambiare il tuo partner. Né sta cambiando il tuo “io” per un altro “io”. Il problema è l’ignoranza e la soluzione è aprire gli occhi sul tuo vero volto. Il problema è che hai creduto di essere un personaggio che si percepisce separato dal suo partner e vive affogato in un mare di paure ed emozioni.

L’ego è come un’onda che si crede separata dalle altre onde. Ma in verità, tu non sei l’onda, sei l’intero oceano manifestato attraverso tutte le onde. Non sei l’ego, sei la stessa coscienza che vive dentro di te, il tuo partner e tutto il resto. In fondo, tu sei il partner che stai cercando e il tuo partner è un’altra versione di te. La coppia è uno specchio dove puoi vederti riflesso.

Cercare di cambiare il tuo partner è come provare a cambiare ciò che vedi in uno specchio. La coppia cambia solo quando impari a guardare con occhi diversi. Quando smetti di cercare l’amore nel tuo partner e lo trovi dentro di te, il tuo partner ti riflette quell’amore che hai trovato. Pertanto, il problema della relazione si risolve quando riconosci l’amore che ha sempre vissuto dentro di te.

1. Focalizza il tuo pensiero sul tuo centro più alto

Per iniziare a riconoscere la tua essenza, la tua vera identità (al di là dell'”io”) è importante che tu abbia fede in te stesso, cioè nel tuo vero Sé o essenza. La fede in te è ciò che ti farà andare, a poco a poco, trasformandoti come una larva che diventa farfalla. Pertanto, concentra il tuo pensiero sulla cosa più alta che puoi concepire dentro di te.: amore eterno, sapienza eterna, verità eterna. Queste sono le 3 qualità essenziali del tuo vero Sé.

Come diceva il maestro Omraam Mikhaël Aïvanhov, se immagini un frutto e vedi come interpretare la pelle, la polpa e l’osso; la pelle, che circonda e protegge il frutto, corrisponde al piano fisico; polpa, dove circolano le correnti della vita, corrisponde al mondo psichico; e l’osso, che assicura la riproduzione del frutto, corrisponde al mondo spirituale.

Se trasposti nella vita spirituale, la buccia del frutto è la sapienza che protegge, conserva e conserva; la polpa è l’amore che mangia e mantiene la vita e, come per l’osso che piantiamo, rappresenta la verità perché solo ciò che è vero perpetua la vita.

Ricorda che in fondo tu sei l’oceano (amore) che si esprime sotto forma di onda (umano). L’amore sei tu senza identificarti con il tuo ego. Il tuo ego è l’unica cosa che ti separa dalla tua essenza. Non dovresti cambiare nulla, devi solo imparare a vederti con occhi diversi. E per vedere, devi prima credere o avere fede. Mettilo in pratica e vedrai. Coltiva la fede in te stesso come un essere di amore, saggezza e verità che non cambia, o in parole povere, un essere di puro “amore”.

Amore e autostima

2. Prenditi cura del tuo tempio (il corpo)

Riconoscere il tuo essere perfetto e completo ti aiuterà ad avere un corpo sano e vitale. È difficile connettersi con l’amore se il tuo corpo sta soffrendo. Il corpo è il tempio che hai creato per poter vivere in questa dimensione terrena. È la tuta spaziale della tua anima. Se il tuo corpo non sta bene, lo spirito d’amore che sei, è difficile per te riconoscere chi sei oltre il tuo corpo.

3. Calma la mente

Per riconoscere la tua essenza, devi calmare la mente. È quello che si chiama “meditare”. Ma poche persone possono meditare perché c’è molto caos nella loro mente. Ecco perché è importante imparare come annullare il caos prima di sedersi a meditare. Consiglio la meditazione del caos calmo che puoi trovare sul mio sito web. Dura 10 minuti e ha due fasi: la prima (5 minuti), consiste nell’esprimere tutto il caos (o follia) che è dentro di te.

Ma devi esprimerlo emettendo suoni come (blablbablabajaajasda asfa papfa afsw awwaga akkra rkkla pppara fa a) cioè dici cose senza senso. Devi lasciar andare la tua follia e senza metterci parole, solo suoni senza alcun significato. E quando finirai questa fase caotica e intensa, arriveranno 5 minuti di calma. In questa seconda fase devi solo respirare e osservare quello che senti. Questa fase serve per imparare a familiarizzare con la calma che c’è quando non c’è rumore mentale (o caos) nella mente.

4. Prepara il contatto con la tua essenza

Una volta che il nostro corpo è sano e vitale e la nostra mente è calma, possiamo fare un passo avanti verso l’interno. sì useremo il respiro come ponte per entrare in noi stessi. Condividerò con voi uno degli esercizi che consiglio ai miei clienti di coaching. Si ispira agli insegnamenti di Omraam Mikhaël Aïvanhov ed è un esercizio che apporta enormi benefici alla psiche e al sistema nervoso. Dovrebbe essere fatto a stomaco vuoto (minimo 5 ore dopo aver mangiato) e le istruzioni sono:

  • Coprire la narice sinistra e inspirare attraverso la destra (4 secondi)
  • Mantieni (16 secondi)
  • Espira a sinistra (8 secondi)
  • Inspirare attraverso la sinistra (4 secondi)
  • Continua in questo modo finché non avrai inalato 6 volte attraverso ciascun foro

Se vuoi portare questo esercizio al livello successivo, ogni volta che inspiri immagina di bere Amore o Luce e renditi piccolo come se fossi la punta di un cerchio. Ogni volta che trattieni, immagina che la Luce o l’Amore nutrano tutte le tue cellule interiori. E ogni volta che espiri, immagina di espandere quella Luce all’intero Universo.

5. Apri il tuo cuore

Abbiamo già iniziato a toccare l’invisibile in noi stessi con il potere della respirazione consapevole. Ora dobbiamo entrare nel cuore, che è dove risiede realmente la nostra vera identità o essenza. E lo faremo con la forza del canto e della devozione. Devi cantare alla tua essenza con devozione, immaginandola nel centro del tuo cuore come se fosse una Luce bianca, radiosa, gloriosa e calda. Canta a quella luce con tutto il tuo corpo, la tua mente, il tuo cuore e la tua anima. Possa la tua voce ravvivare la fiamma che dimora in te.

Abbandonati al tuo centro luminoso. Offrigli la tua canzone migliore. Senti quello che dici. Senti passione, gratitudine e devozione verso te stesso, verso il più puro e sacro che vive nel tuo cuore. E se vuoi dire due parole, mi piacciono particolarmente queste:

“Amo la tua Sapienza; Ho fede nel tuo amore; Confido nella tua Potenza. Mi dono a Te per poterti servire”. Cioè, abbandona il tuo ego all’Amore che sei in essenza. Quell’abbandono totale al tuo interno più puro e luminoso agisce come l’acqua perché tu fiorisca nell’Amore.

Mentre alimenti quella fiamma che vive nella camera segreta del tuo cuore, inizierai a ricordare chi sei. E quando ti risveglierai alla tua autentica natura divina (Amore), il tuo modo di relazionarti con il mondo e gli altri sarà trasformato. Ci saranno persone che non sosterranno la tua nuova identità (un’identità che non teme) e si allontaneranno da te perché non sosterranno il tuo essere libero e potente, e ci saranno anime che si avvicineranno a te per condividere il loro amore.

Insomma

In breve: se vuoi uscire da una relazione tossica, entra in te stesso e ritrova il contatto con il tuo partner interiore (la luce dentro di te che è puro amore). Solo apportando quel cambiamento interno puoi aspettarti dei veri cambiamenti esterni. Non è cambiando partner come risolverai davvero il tuo problema, ma ampliando prima la percezione che hai di te stesso.

Smetti di vivere dall'”io” (chi ha paura e cerca sicurezza attaccandosi a un partner) e scopri cosa sei, sei sempre stato e sempre sarai. Tu sei amore e quando vivi con quella consapevolezza, tutti i problemi cessano di esistere e vivi la perfezione del momento presente così com’è.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento